Digita una parola o una frase e premi Invio

Fernando Pardini

513 Articles24 Commenti

Disegnare Volnay

Potrebbe trattarsi di un esempio lampante di “vin sans signature“, ossia di vino senza firma. La linea ossuta ma senza scabrezze, la delicatezza, la soffusa pervasività dei profumi, l’enorme freschezza, il tannino puntiforme che subito svapora e una naturalezza espressiva a mille disegnano Volnay, restituendone un ritratto di assoluta fedeltà…

Montechiari blues

Moreno Panattoni compie ottant’anni ma conserva nell’animo l’idealità ingenua e sognante di un ragazzino. Ha da poco piantato un nuovo vigneto sulla collinetta antistante la fattoria, lo ha piantato a chardonnay, vuole approdare al suo Blanc des Blancs. La Fattoria di Montechiari, sulle colline di Montecarlo, è in realtà uno…

Il Giglio a Montalcino

Tornare al Giglio, vivere il Giglio. Mario, Anna, Michele e una bomboniera di tepore, affetti e buoni mangiari. Di Montalcino c’è il respiro. Senza infingimenti. Autentico, vero. Albergo Ristorante Il Giglio – Via Soccorso Saloni, 5 53024 Montalcino (SI) – tel 0577 848167  – www.gigliohotel.com…

La Francia in Oltrepò

Ci troviamo in Oltrepò ma è come essere in Francia. Alla Tenuta Frecciarossa vi respiri aria da château, questo è, e una speciale misura che investe ‘gnicosa: Casteggio e i suoi fianchi di collina, l’ordine esatto dei vigneti, la sobria nobiltà delle architetture, le persone e i vini. E’ l’artigianalità…

Arcipelago Bussìa

A Pasquetta ci ho dato di Bussìa. Per realizzare una volta di più come gli esiti possano essere diversi, pur appellandosi – “essi loro” vini – alla stessa menzione geografica e alla stessa annata. L’arcipelago Bussìa è esteso, quello è, e già da questi due esemplari lo vedi e lo…

Il sorso che vive

Non è certo quel rivolo di manierismo barocco, infiltratosi nelle maglie del vino grazie al dolce avviluppo del rovere piccolo e nuovo, a portarti al cuore del discorso, il cuore del discorso è un altro: è che a distanza di 14 anni da quella vendemmia la Vernaccia di San Gimignano…

Brunello Off (Broadway)

Ma a Montalcino esisteranno cantina e persona più distanti dal circo delle vanità e dal frastuono mediatico di Il Colle e Caterina Carli? Io dico di no. Profilo basso, lavorio zitto, dimensione prepotentemente familiare, nella testa e nel cuore ci sono gli insegnamenti del padre, iniziatore della specie, e quelli…

Sangiovese d’Appennino

A Valpiana di Brisighella già “vedi” Marradi. Quasi ne senti l’aria. In questo contesto preappenninico, di questa Romagna delle terre alte, il microclima e i suoli impongono le loro ragioni al prodotto agricolo. Decise escursioni termiche, maturazioni molto lente, suoli calcareo-marnosi e quella dorsale che si spinge su fino ai…

Dolcetto blues

Ché poi mica ancora me la spiego, tutta questa dimenticanza verso il Dolcetto sui mercati del mondo. Perché lui, il Dolcetto, avrebbe tutto quel che serve per farsi desiderare: versatilità, piacevolezza, identità, prezzo. Io ad esempio, quando bevo Dolcetto, ho sempre di fronte a me l’immagine di Beppe “citrico” Rinaldi,…

In Vernice

Andare al ristorante è diventata una attività in dissolvendo, con manco più l’appiglio della sporadicità. Me ne sono accorto ieri, quando ci son tornato per la prima volta dopo mesi. Lì per lì non fai pace coi gesti e coi modi che attengono alla socialità; ti viene da alzarti ogni…

Amarcord Modigliana

“Per arrivare fin qua bisogna arrendersi a un’evidenza: la supremazia dei boschi e la loro maestà, ciò che infonde al paesaggio d’alta quota una naturale e selvatica eloquenza visiva. La Valle dell’Ibòla, delle tre valli di Modigliana, è la più fresca e la più frastagliata. E quindi ombrosa, affascinante, appartata.…

La Borgogna sul pero

Quando di questo vino mi hanno svelato il prezzo sul mercato sono cascato dal pero, basìto da stupor mundi. Intendiamoci, non è che sia così ignaro dell’enorme bolla speculativa di cui sono stati fatti oggetto i vini di Borgogna, assurgendo all’antipaticissimo status di un Rolex o alla inarrivabile esclusività di…

Charlemagne

Jean-Charles Le Bault de la Morinière (Bonneau du Martray) mi rivelò innanzitutto il lato umano e confidenziale della Borgogna. Dopo di lui mi accorsi che le relazioni umane, in quella terra, non erano soltanto spocchia o disinvolta indifferenza; grazie a lui c’era un di più, ad onorarle e a dargli…

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi