Digita una parola o una frase e premi Invio

Bursồn, la forza di un vino

Burson, la forza di un vino

di  Ilaria Pipola

BursonUvaNato da un vitigno sconosciuto nella pianura ravennate, è stato valorizzato grazie all’intervento del Consorzio “Il Bagnacavallo”, creato nel 1997 per la promozione dei prodotti tipici del territorio.

La storia del vino Bursồn è legata a doppio filo al territorio di Bagnacavallo, alla pianura romagnola limitrofa e ad Antonio Longanesi che ebbe il merito di scoprire e diffondere il vitigno sconosciuto da cui si ricava questa uva. Non si conoscono le origini di questo vitigno, ma grazie alla testardaggine di Antonio Longanesi, detto Bursồn, contadino da generazioni, oggi è possibile produrre l’uva Bursona che si caratterizza per un’alta gradazione alcolica e per molti anni è servita a tagliare il Sangiovese.

bagnacavalloIl vino Bursồn si diffuse presto fra i contadini della piana ravennate e nel 1997 fu creato il Consorzio “Il Bagnacavallo” per la valorizzazione dei prodotti tipici in genere e del vino in particolare, diventato oggi punto di riferimento per l`economia e la cultura del territorio.

Il vino Bursồn del Consorzio di Bagnacavallo, è prodotto in due versioni, etichetta blu ed etichetta nera, secondo un rigido disciplinare; ha una gradazione alcolica di 14/15 gradi, di colore rosso rubino intenso, al naso si presenta complesso, con note balsamiche. In bocca è armonico e persistente. E’ ottimo in abbinamento con carni rosse e selvaggina. Un vino aristocratico che farà strada.

 

Immagini tratte da www.consorzioilbagnacavallo.it

 

One Comment

  • Gianluca Pareschi ha detto:

    Io l’ho bevuto. L’ho preso dal nipote di Antonio Longanesi. L’etichetta nera è un gran vino, con una parte di uva appassita, ricorda molto alla lunga l’amarone….ma alla lunga, non mi fraintendete. Comunque un ottimo vino, soprattuto se consideriamo la zona vinicola del Ravennate per nulla famosa. Anche questo è il suo problema. Daniele Longanesi, mi diceva che fa fatica a proporlo fuori dall’emilia , perchè sono tutti diffidenti, compresi i distributori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi