Digita una parola o una frase e premi Invio

Barbaresco 2013, il vino che respira. Prima parte: Barbaresco (e Alba)

Martinenga a maggioALBA (CN) – Ho un’intima convinzione, più sentimentale che ragionata: se certi vitigni posseggono una natura tardiva e accade che l’andamento climatico stagionale riesca ad assecondare perbene questa vocazione, ossia consenta loro di maturare tardivamente per davvero (chessò, il nebbiolo ad ottobre inoltrato e, perché no, anche a novembre) ecco che la fenologia della pianta ne esce maggiormente appagata. L’uva è più contenta, insomma. E i bicchieri che verranno anche.

Perché se è evidente che la commistione vitigno-terroir, in questi casi, deve essere davvero speciale per garantire regolarità, continuità e maturazioni, è anche vero, o così a me sembra, che rientra nella natura delle varietà tardive la capacità di sintetizzare al meglio la bellezza. In altre parole, sta nelle corde delle varietà tardive una bellezza più bella. Quasi che il lento stillicidio di una lunga stagione di attese e di accrescimento, con tutti gli annessi e connessi in materia di rischi agronomici, ripagasse con la profondità.

Roagna_ PajéEcco, così è stato il millesimo 2013 per le uve nebbiolo, consacrato da due mesi perfetti -settembre e ottobre- per apporto di calore ed escursioni termiche, che se pure non hanno recuperato i pesanti ritardi accumulatisi nelle prime fasi vegetative, han fatto comunque sì di accompagnare amorevolmente uve che avevano ancora bisogno di tempo per arrivare alla giusta maturazione, soprattutto fenolica. Quindi, qualità del tannino e freschezza acida sono le doti fondanti dei Nebbiolo targati 2013, figli legittimi di una vendemmia tardiva. Una acidità di quelle buone, badate bene: pervasiva, stratificata, non così semplice da ottenere sempre e comunque.

E la nutritissima compagine dei Barbaresco 2013 presente a Nebbiolo Prima non ha fatto altro che suggellare l’asserto. Un’annata che piacerà a chi ama ritmo, contrappunto gustativo, dinamica. Non c’è stato quindi da morir di noia alle prese con i quasi 120 Barbaresco di un giorno. Dalla cui disamina è uscita fuori una mappatura sentimentale che ha riservato gli sguardi più invaghiti ai Barbaresco di Barbaresco, in virtù di una maggiore omogeneità qualitativa rispetto agli altri storici comuni della denominazione, Neive e Treiso. Lì dove l’exploit o il conseguimento importante, possibile ma meno frequente, è stato magari esaltato da un panorama non esente da qualche incertezza o sfocatura.

Nota: note di assaggio riportate in stretto ordine di apparizione, con il grado di immedesimazione da immaginarsi. Mancano all’appello diverse etichette, pur presenti, in quanto affette da aleatorietà fra bottiglia e bottiglia, illeggibilità, stato confusionale, tappi infami e tappi subdoli. Un’evenienza non così rara, purtroppo.

BARBARESCO 2013 ZONA BARBARESCO

Barbaresco Asili 2013 –  Ca’ del Baio

Interpretazione muy apprezzabile di Asili: contrasto e croccantezza di frutto, temperamento ed eleganza maritati, aura balsamica. Una “quadra” solo leggermente scalfita da un finale di bocca più stretto che diffusivo. Ma sono questioni di lana caprina.

Barbaresco Asili 2013 – Chiarlo

Ai sentori di terra e fiori, a una trama aromatica interessante solo in cerca di maggiori dettagli, fa da contraltare l’ingerenza del rovere, ciò che tende ad incupire il tratto gustativo e a renderne meno fluida l’articolazione.

Barbaresco Asili 2013 – Cascina Luisin

Frutto di ciliegia e senso delle proporzioni annunciano tipicità e candore. Solo l’alcol a sfilacciarne la trama e a smorzarne tensioni.

Barbaresco Asili 2013 – Ceretto

Un velo di introspezione non impedisce di apprezzarne la freschezza e la sottigliezza aromatica, a disegnare una trama particolarmente tonica e sfumata. Bocca coesa, bilanciata, carnosa e sensuale, di lodevole allungo e dichiarato carattere. Respiri aria di Barbaresco di Barbaresco qui, senza barriere ostruttive (vivaddeo!). Sì, un’inattesa “trasparenza” apre a nuovi orizzonti interpretativi in casa Ceretto, nel nome dell’ariosità e delle sfumature di sapore.

Barbaresco Martinenga 2013 – Tenuta Cisa Asinari dei Marchesi di Gresy

Sottile, rarefatto, cesellato, elegante. Soave e leggiadra la sua carnosità, senza nulla perdere in continuità e tensione. Un vino come al solito maledettamente attraente e tutto da bere. L’istinto, più che il ragionamento, porta alla immedesimazione.

Barbaresco Sorì Montaribaldi 2013 – Montaribaldi

Ad un naso piuttosto confuso e ancora in ritardo di focalizzazione, risponde una bocca piena e polposa, dove a prevalere è una sensazione di placida voluttà, più che di dinamismo o reattività.

Barbaresco Montestefano 2013 – Luigi Giordano

Per il secondo anno consecutivo, casomai qui con maggiore forza, Luigi Giordano ( da non confondere con Giordano vini, padre-padrone della vendita per corrispondenza) ci sorprende con un coup de coeur. Difficile rimanere insensibili al fascino indiscreto dei profumi, così sussurrati, chiaroscurali, dettagliati, con quello struggente sottofondo floreale a confonderti ben bene. In bocca poi è delizioso, avvincente, teso e delicato al tempo stesso. Outsider se ce n’è uno.

Barbaresco Bric Turot 2013 – Prunotto

I profumi, già quelli, un compendio ispirato di terra, frutti rossi del bosco e florealità (tanto da richiamare alla mente un rosé), bastano e avanzano alla piena soddisfazione. Il passo leggero, ormai emblematico, si muove in bilico fra essenzialità e magrezza. Nei sottotraccia di una trama affusolata, che sposa appieno le ragioni della bevibilità, trovano voce alcuni accenti più crudi, a raffreddare un incanto.

Barbaresco 2013- Silvia Rivella

Il frutto maturo della ciliegia, e una inflessione più “scura” come di china ed inchiostro, rendono piuttosto sbozzato il quadro dei profumi. La metronomica saldezza, e la linearità della sua bocca, non sembrano intenzionate a comprendere nel conto lo slancio e la progressione. Non questa volta.

Barbaresco Lurens 2013 – La Biòca

L’amalgama risente fin troppo del contributo del rovere. Così il frutto tende a spalmarsi sul palato, facendo uno sgambetto alla scorrevolezza. Tannino, di contro, irriverente.

Barbaresco 2013 – La Biòca

Rispetto al Lurens le note boisé addolciscono il giusto lasciando maggiore spazio alla piacevolezza. Il sorso mostra una certa continuità nello sviluppo, risultando ben indirizzato e tattilmente setoso.

Barbaresco Ca’ Grossa 2013 – Rigo Filippo Cascina Rabaglio (ai Rabaj)

Tenacità, frutto vivo e croccante. Le deboli inflessioni vegetali non ne smussano la sostanziale eleganza. Mi piace la sensazione tattile, mi conforta la limpida sua gradevolezza. Anche se manca di un allungo che possa definirsi superiore.

Barbaresco Angelo 2013 – Albino Rocca

Ottimo conseguimento ispirato dalla trasparenza espressiva, capitolo nuovo di una traiettoria stilistica che, in casa Rocca, va progressivamente ridisegnando i vini sgrondandoli dagli eccessi. Qui eleganza e carattere vanno a braccetto, la dinamica è avvincente, la freschezza adeguata, il tono giusto, la vibrazione quella tipica di un bel vino, tutto sprint e savoir faire.

Barbaresco Quarantdue42 2013 – Rattalino

Tenero, rilassato, accomodante, “di compagnia”. Interessante il mélange fra dolcezza fruttata, accordature fumé e setosità del tessuto.

Barbaresco 2013 – Socré

Colore vivido e acceso, bocca grintosa ma anche rugosa. Di presenza scenica, senza i dettagli attesi.

Barbaresco 2013 – Boffa Carlo

Un frutto dal coté maturo trova salvifici appigli nella freschezza di fondo. Ma l’intensità dei sapori, innegabile, stenta a trovare finalizzazione adeguata per via dell’amalgama incerto.

Barbaresco Bric Balin 2013 – Moccagatta

Colore, frutto e rovere in prima linea, a suggerire uno stile moderno e una dinamica “a trazione anteriore”. L’indole impattante si prende il rischio di ottundere articolazione e disegno. E in questa fase è difficile scorgere il barlume varietale.

Barbaresco Ovello 2013  – Boffa Carlo

La centralità del frutto, la nitida sua definizione, restano inquadrati in uno sviluppo gustativo teso e concreto. La pienezza delle forme non scade quindi in mollezza, e a vincere è la tenacità.

Barbaresco Ovello Vigna Loreto 2013 – Albino Rocca  

Interessanti la coesione e il sentimento di fondo, intrigante la nota mineral-ferrosa, aggraziato, piacevole, sincero, appena rilassato nella dinamica. Stile apprezzabile.

Barbaresco Pajé 2013 – Boffa Carlo

Carnoso e potenzialmente interessante, il rovere – generoso come non mai, forse nuovo – obbliga e comprime, smussandone disegno ed ariosità. Peccato, perché lo scheletro sapido prometterebbe bene….

Barbaresco Pora 2013 – Musso

Bella sensazione floreal speziata per un vino sciolto, carezzevole, giocato sulle mezze tinte, infiltrante più che incisivo, da ascolto attento. Sorpresa!

Barbaresco Rabajà 2013 – Cascina Luisin

C’è un lato vinoso che non gioca a favore di complessità; per il resto appare un buon componimento, accondiscendente, comunicativo, morbido. Non la tensione attesa insomma, ma conserva un suo perché.

Barbaresco Rabajà 2013 – Castello di Verduno

Bella la traccia sapido-minerale in questo vino nudo e cristallino; e bella la cifra stilistica. Mi piace la sua “ricca essenzialità”, fra terra lieve e fiori: davvero delizioso, come non mai.

Barbaresco Rabajà 2013 – Cortese Giuseppe

Brillante, sanguigno, definito in ogni passaggio gustativo, una scheggia di freschezza e vitalità che all’aria è in grado perfino di guadagnare qualcosa in sinuosità ed eleganza. Un Cortese in assetto “comunicativo” insomma, e per questo istintivamente seduttore.

Barbaresco Rio Sordo 2013 – Musso

A due velocità. Lacca e rovere cercano di impedirne il naturale sviluppo, offuscandone dettaglio e scorrevolezza; di contro c’è quel finale inatteso, più snello e fresco, a rincuorare gli animi.

Barbaresco Roncaglie 2013 – Poderi Colla

Buona freschezza di fondo e buona dimensione fruttata, senza ridondanze. Ancora da sdilinquirsi e da distendersi al meglio ma la saldezza potrà assicurare un futuro brillante ad un vino equilibrato, pulito, netto.

Barbaresco Ronchi 2013 – Albino Rocca

Definito, vivo, tonico, bel frutto e bel commento di ferro e grafite. Incisivo, anzi grintoso, perde per strada un pizzico di finezza rispetto agli altri cru della casa, ma è molto buono.

BARBARESCO 2013 ZONA ALBA

Barbaresco 2013 – Alessandro Rivetto

Umori di terra e ciliegia accompagnano un profilo gustativo compatto, caldo per l’alcol, adeguatamente coeso nelle trame, anche se non particolarmente lungo.

Barbaresco Ad Altiora Montersino – Taliano Michele

Fra i Barbaresco provenienti da Alba che si siano presentati in uno stato di forma “leggibile” e non compromesso, è apparso quello più sinuoso e garbato, anche se un po’ remissivo. Oddio, non che sia un mostro di complessità e progressione, ma si difende con onore.

Assaggi effettuati ad Alba nel mese di maggio 2016

Contributi fotografici: panorama fra Martinenga e Asili; fra i filari dei Pajé

Precedenti contributi:

Barolo 2012 più comuni, Roddi e Novello

Barolo 2012 di Serralunga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso.
MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi