Con quella faccia un po’ così… Barbaresco 2014. Terza parte: Treiso e + comuni

Di • 28 Giu 2017 • Rubrica: diVini, Il vino in dettaglio
Stampa questo articolo

triso_panoramiChiudiamo il cerchio per approdare a Treiso, culla di Barbaresco orgogliosi e terragni la cui fisionomia tendenzialmente maschia e austera, in corrispondenza di una annata come la 2014, si è stemperata quel tanto che basta da lasciar emergere buoni doti di freschezza e strutture equilibrate, anche se meno importanti del solito.

Insomma, un millesimo che ha comunque preservato l’espressività nei vini, nel pieno rispetto dei caratteri peculiari dei vari versanti in gioco. Così, se dai campioni provenienti dai cru Rombone e Valeirano, e in minore misura dal confinante Manzola, i cui vini sono solitamente più scorrevoli ma meno complessi, ad emergere è una rocciosa compattezza dai rimandi terrosi che in qualche modo va ad apparentarsi alla robustezza coriacea di un Casot, è l’agilità, accompagnata da strutture più snelle, la nota saliente dei vini provenienti da Vallegrande Marcarini. E mentre GiaconeLorens (vigneto appartenente alla MGA Giacone) esplicitano due caratteri differenti all’interno di una menzione geografica poco frequentata (più fenolico Giacone, più stilizzato Lorens, ma entrambi percorsi da una corrente acida ficcante), a sparigliare ci pensa l’estrema eleganza e la melodia gustativa dei migliori portavoce del vigneto Pajoré, che grazie alla qualità del disegno e alla minuziosa articolazione sono andati a concretizzare pregevolissime performance.

In ultimo, proponiamo una selezione spietata di Barbaresco (sì, abbiamo sfoltito un po’) le cui uve provengono da più comuni. Dalla quale, come al solito, ad emergere è la cifra stilistica più che l’esclusività di un carattere, senza per questo far torto alla gradevolezza, alla spigliatezza e alla dignità (cantina dei Produttori docet).

CANTINA DEL NEBBIOLO – BARBARESCO 2014

Rarefatto e stilizzato, dal gusto infiltrante che ricorda la terra, l’agrume e le spezie, è un vino elegante, “dritto”, salino, la cui sottigliezza non disperde tensione e dettagli. E’ l’accreditato testimone di un reale cambio di marcia in termini di sensibilità interpretativa e rispetto della materia prima.

NADA GIUSEPPE – BARBARESCO CASOT 2014

Sotto l’egida di una personalità grintosa e “combattiva”, ad un naso ancora da illimpidirsi associa un sorso incisivo e contrastato, a cui gli accenti terrosi e i tannini sapidi conferiscono allungo e fierezza.

GRIMALDI LUIGINO – BARBARESCO MANZOLA 2014

Stimoli cerosi e “senso” del dettaglio abitano questo bicchiere, quantomeno ai profumi. Bocca di buona tensione, terrosa e leggermente asciutta, il cui contributo sapido la proietta su buoni livelli di espressività.

RIVETTO – BARBARESCO MARCARINI 2014

Interessante ai profumi -fra erbe aromatiche & terra lieve-, buone la spinta e la freschezza. Su tutto vigila una smaliziata consapevolezza tecnica, rintracciabile nel controllo della forma e in una rassicurante, quasi implacabile, linearità gustativa.

CASCINA ALBERTA – BARBARESCO GIACONE 2014

Il colore non manca, mentre il nervosismo aromatico, restìo ai sottintesi, trasmette un senso di freschezza. Al palato non si concede granché; è coriaceo, pieno, quello sì, ma la sua pienezza non è accompagnata da un respiro e da una articolazione degni di nota.

LODALI – BARBARESCO LORENS 2014

Ariosità e slancio propiziano reattività e distensione. Succoso, continuo nello sviluppo, impettito dall’acidità, affilato e gustoso. Però!

RIZZI  – BARBARESCO PAJORE’ 2014

Fin da subito attraente e sinuoso, per via di quella diffusiva eleganza fruttata così inusuale per il comprensorio di Treiso, ti conquista grazie a una bocca melodiosa, instradata dalla dolcezza tannica e da un innato senso dell’equilibrio. Mooolto buono!

SOTTIMANO – BARBARESCO PAJORE’ 2014

Elegantissimo e sensuale, assume nei toni il nobile respiro della classicità, palesando una pregevole attitudine per le sfumature. Golosissimo e dettagliato, è un ottimo conseguimento per l’annata, e anche più in là.

FIGLI LUIGI ODDERO – BARBARESCO ROMBONE 2014

Sentori di terriccio e liquirizia annunciano un vino maschio ma intrigante. Determinato, senza troppe moine, ricco dentro, possiede un telaio solido e caratterizzato. Niente male!

ADA NADA – BARBARESCO VALEIRANO 2014

Buona lena per un sorso terragno che ancora deve liberarsi da qualche impuntatura aromatica e trovare un passo più disteso. Per il resto, alla latenza di suadenza fruttata, sopperisce con la spinta e la volontà.

GRASSO FRATELLI – BARBARESCO VALLEGRANDE 2014

Succoso, ritmato e al tempo stesso sottile, sa il fatto suo mettendo in rilievo una traccia acida (im)portante. Finale affusolato, godibile e sostenuto comme-il-faut.

LA TRIBULEIRA – BARBARESCO VALLEGRANDE 2014

Buona “idea” di frutto e buona propensione al dettaglio, per uno sviluppo gustativo che non rinuncia all’ariosità mostrando brio perlomeno fino a mezza via. Più dispersivo e incerto nel finale.

CA’ DE BAIO – BARBARESCO VALLEGRANDE 2014

L’introspezione aromatica apre ad un palato piuttosto ricco e corposo, se riferito agli standard del millesimo e del cru, un palato che tende ad allargarsi più che a “dinamizzarsi”, ma i cui sentori di rabarbaro richiamano alla mente certi Pinonuar….

PIU’ COMUNI

BATASIOLO – BARBARESCO 2014

Compostezza, linearità, bilanciamento: le basi ci sono, manca semmai l’incisività e la forza espressiva dei migliori esemplari della specie. Eppure si lascia ben bere, quello sì.

PRODUTTORI DEL BARBARESCO – BARBARESCO 2014

Qui il contributo elegante del frutto riconduce immediatamente ai versanti più ispirati di Barbaresco. Buona la densità di materia, a commento di un gusto sincero, agile e oltremodo speziato, tanto da ricordare un Rossese!

CANTINA TOMASO GIANOLIO – BARBARESCO 2014

Gustoso e risolto, non è lungo né complesso ma stimolato da un provvidenziale brivido sapido, affidabile compagno di un finale fresco ed affusolato.

Leggi anche:

Barbaresco 2014 zona Barbaresco

Barbaresco 2014 zona Neive

Share
Parole chiave: , , , ,

Lascia un commento