I vini del mese e le libere parole. Settembre 2018

In copertina

I vini del mese e le libere parole. Settembre 2018

di Fernando Pardini
All’insegna dell’eclettismo, ecco la nuova frontiera del bianco d’autore metter su casa nel Jurançon, ecco il Pinot Noir della Vallée che non ti aspetti ma c’è, ecco le Colline Lucchesi che battono un colpo (e che colpo) tanto per farci capire che ci sono anche loro, ecco la monumentale presenza di un nuovo Brunello dedicato ad un affetto ed ecco infine la strenua resistenza alle insidie del tempo offerta da un indomabile Sangiovese chiantigiano con il cuore d’altura. Cosa c’è di meglio, se non l’eclettismo, per le libere parole?

Leggi

Prima pagina

Da vedere e da sapere (rss)


Il 27 ottobre a Gaiole in Chianti (Si): in degustazione 100 etichette di 25 aziende dei Viticoltori di Gaiole

Il vino, a volte, offre occasioni di conoscenza straordinarie. A Gaiole in Chianti sarà così sabato 27 ottobre, nella prestigiosa ambientazione delle ex Cantine, con la prima edizione di “Degustazione Terre di Gaiole”, promossa dall’associazione Viticoltori di Gaiole

La Terracotta e il Vino 2018, a Impruneta (Fi) il 24 e 25 novembre

Alla Fornace Agresti il vino in anfora da tutte le regioni d’Italia e dal mondo: 42 produttori e oltre cento etichette. In un convegno le novità scientifiche dell’affinamento in terracotta e i risultati finali del Dipartimento di Chimica. Ai banchi di assaggio anche birre in anfora

Il 21 ottobre, Torino Beve Bene

Eccoci finalmente alla quarta edizione di Torino Beve Bene, l’unico evento cittadino che raccoglie decine di produttori di vini naturali da tutta Italia e dall’estero



Super Tre Stelle, grandi esordi e migliori assaggi dalla Guida Veronelli 2019. Presentazione a Venezia il 19 ottobre

Il Seminario Veronelli comunica le eccellenze enologiche che nell’edizione 2019 della prima guida ai vini italiani hanno conseguito il titolo di Super Tre Stelle, Grande Esordio e Miglior Assaggio. In questa selezione di “capolavori liquidi” primeggia la Toscana per numero di riconoscimenti conquistati, ma è piemontese il Miglior Vino Rosso dell’anno, l’unico capace di ottenere l’eccezionale giudizio di 100/100

Un asteroide ha il nome di Domenico Clerico. La sua posizione potrà essere osservata sul sito della Nasa

Ad un asteroide assegnato il nome del grande barolista Domenico Clerico. Qui c’è il link per seguirne la traiettoria

Dal 9 ottobre a Torino, “Assaggi di teatro”

Prende avvio il 9 ottobre 2018 in Piemonte l’edizione 2018-19 di ASSAGGI DI TEATRO, uno stimolante percorso fra proposte culturali e gourmet, una prospettiva diversa dalla quale guardare il teatro, per vivere il territorio con tutti i sensi, sul filo del legame intenso e dal sapore antico che unisce cultura e cibo

La “Lista Franchini Terzago” si candida alla guida della Fisar

Nasce la “Lista Franchini Terzago” per le elezioni del Consiglio Nazionale della FISAR per il quadriennio 2019-2022


Collegati

Attualità e idee

Odio chi. Le corrosioni del tempo e il mio primo pezzo “politico” [9]

di Fernando Pardini
Vent’anni di scritti dedicati al vino, permeati da una divorante passione e vòlti ad evocare il meglio che c’è, di una esperienza sensoriale o di una storia contadina. Vent’anni di innamoramenti passati a trasformare parole in tributi, elegie e suggestioni. Può accadere, una volta tanto, di cambiar registro, per fermarsi a parlare del lato oscuro di un mestiere e delle sue “corrosioni”. Ecco, oggi è quella volta lì.

Buono, pulito e giusto. Della rivoluzione

di Luca Bonci
Non bisogna leggere tra le righe, non ci sono dubbi, non importa neanche attendere che la parola venga citata direttamente da Carlo Petrini, è chiaro: lo scopo di Slow Food è la rivoluzione.

diVini

Cantine Ferrari: le ultime annate della linea alta (ma non solo) e il nuovo Giulio Ferrari Rosé

di Fernando Pardini
È uscito il nuovo, attesissimo, ambizioso (e costoso) Giulio Ferrari Rosé, e noi ne parleremo. Così come parleremo delle ultime annate (ma non solo) delle varie etichette appartenenti alla linea alta di casa Ferrari, Perlé e Riserva. Per scoprire che dietro la certezza di una firma implacabile per premure tecniche e precisione esecutiva, si cela la beneaugurante “aleatorietà” figlia di una sensibilità tutta artigianale.

Cuzziol wine tasting: spigolature a margine di un evento milanese

di Massimo Zanichelli
In un caldo pomeriggio milanese di settembre, nel lungo rettangolo della sala Duomo del Gallia Excelsior, hotel très chic tra la Stazione Centrale e il Pirellone, è andato in scena il wine tasting della Cuzziol GrandiVini. Oltre alle 14 regioni dello Stivale e alle 9 della Francia, oggi questa azienda importa vini da Austria, Germania, Portogallo, Slovenia, Spagna, Armenia, California, Argentina, Nuova Zelanda

Off the beaten drunk: piccole dritte per bevute originali (prima puntata)

Ai tempi “preweb” della Lonely Planet gli itinerari che catturavano maggiormente la mia attenzione erano spesso quelli delle sezioni “off-the-beaten-track”: piccole “dritte” e segnalazioni “fuori” dalle piste più battute. Nel primo di una serie di articoletti vorrei raccontarvi di quegli assaggi di questo 2018 in cui ho ritrovato sensazioni simili: una sorta di “off-the-beaten-drunk”, vini poco “battuti”, non necessariamente i più buoni che ho bevuto, ma quelli che nelle compulsive annotazioni di assaggiatore seriale meritano una sezione speciale

diCibi

In Svizzera con i bambini (o senza)? All’assalto della fabbrica dei biscotti Kambly!

di Riccardo Farchioni
Se siete o pensate di andare in Svizzera, fatevi anche un giro per l’Emmental, nel cantone bernese. Colline distese, prati sconfinati (verde chiaro) che hanno spinto in alto quel che rimane dei boschi (verde scuro), con le classiche mucche al pascolo. Naturalmente per andare a caccia del suo celebre formaggio, l’Emmentaler. Ma, e qui arriva il consiglio, potreste andarci anche per visitare la fabbrica (e show-room) di un celebre marchio di biscotti, impresso da sempre nell’immaginario infantile e no: Kambly

diLuoghi

Konnubio a Firenze: le architetture del piacere di Beatrice Segoni

di Riccardo Farchioni
Il turbine di turisti e non che gira vorticoso nell’anello di strade tra il mercato di San Lorenzo e la via dei Banchi in vista del Battistero, trova una improvvisa tregua quando si imbocca via dei Conti. Qui si avverte una pace che ha dell’irreale considerando che siamo nel cuore pulsante di una delle città più visitate d’italia, e qui si aprono gli alti portoni del Konnubio

Osteria di Volpaia in Chianti Classico: la fusione degli opposti

di Fernando Pardini e Lorenzo Coli
Una estrosa macchina del tempo, ideale centrifuga solo apparentemente dicotomica fra la struggente aulicità di un contesto paesaggistico a forte impronta medievale e una contemporaneità cosmopolita tipica di un paese che intende accogliere e non arroccarsi. E’ una cucina che non ti aspetti, un crogiuolo di idee, e ti sorprenderà. A Volpaia, nel cuore del Chianti Classico.

Siti consigliati

Emergency: basta guerre, basta morti, basta vittime The Hunger Site laVINIum - rivista online di vino e cultura Tigulliovino: cultura del vino e servizi per le aziende

Archivio: annonove  Archivio: annootto  Archivio: AnnoSette  Archivio: AnnoSei  Archivio: AnnoCinque  Archivio: AnnoQuattro  Archivio: AnnoTre  Archivio: AnnoDue  Archivio: AnnoUno