Konnubio a Firenze: le architetture del piacere di Beatrice Segoni

In copertina

Konnubio a Firenze: le architetture del piacere di Beatrice Segoni

di Riccardo Farchioni
Il turbine di turisti e non che gira vorticoso nell’anello di strade tra il mercato di San Lorenzo e la via dei Banchi in vista del Battistero, trova una improvvisa tregua quando si imbocca via dei Conti. Qui si avverte una pace che ha dell’irreale considerando che siamo nel cuore pulsante di una delle città più visitate d’italia, e qui si aprono gli alti portoni del Konnubio

Leggi

Prima pagina

Da vedere e da sapere (rss)




Radda in Chianti: nasce ufficialmente l’associazione “Vignaioli di Radda”

Un nuovo tassello del ‘made in Italy” di eccellenza. In essa sono riuniti i viticoltori del territorio del comune chiantigiano. L’associazione si pone come scopo principale la valorizzazione e la promozione del territorio di Rada in Chianti e delle sue produzioni vitivinicole

La “Lista Franchini Terzago” si candida alla guida della Fisar

Nasce la “Lista Franchini Terzago” per le elezioni del Consiglio Nazionale della FISAR per il quadriennio 2019-2022

Vino e musica per promuovere le Terre di Pisa: il programma di CantinaJazz

Parte il 15 luglio il primo dei 10 appuntamenti di “Terre di Pisa tour 2018 – inCantinaJazz ”: un evento multisensoriale che fonde vino, musica e territorio.


Collegati

Attualità e idee

Per i giornali è già vendemmia fenomenale. Ma sarà proprio così? Il caso della Sardegna

di Paolo Rossi
Fra il dire e il fare…..“Filari stracolmi e qualità. Sarà vendemmia record”. Così titolava il quotidiano La Nuova Sardegna domenica 12 agosto, raccontando di un aumento di produzione previsto del 17% e di qualità eccezionale delle uve. Ci risiamo. La moda degli articoli trionfalistici non dà segni di cedimento neanche qui, in una regione, Gallura a parte, prevalentemente rossista, dove le vendemmie si attestano tra metà settembre e metà ottobre: a un mese dalla raccolta sembra quantomeno azzardato parlare di annata record.

Le interviste possibili: Elida Sota, head sommelier del Grand Hotel di Rimini

di Marco Bonanni
Si è sempre detto che la storia la fanno gli uomini, ma a volte alcuni “simboli“, costruiti da mani e menti ingegnose, eguagliano o superano la fama dell’uomo stesso. Prendete il Grand Hotel di Rimini, ad esempio, inaugurato il 1 Luglio 1908….

diVini

I vini del mese e le libere parole. Luglio 2018

di Fernando Pardini
Se ci affidassimo alle iperboli, questo mese individueremmo senza sforzo la bollicina più emozionante di sempre e il Vin Santo più buono mai partorito sull’orbe terraqueo. In mezzo, due rossi emblematici figli di gesti puliti e di rurali consapevolezze. Senza ricorrere alle iperboli, invece, diremmo che è grazie a certi amici e a vini del genere se vanno a nozze le libere parole.

Non facciamo di tutto il Groppello un fascio: la storia del Groppello di Revò

di Elena Pravato
La storia del Groppello di Revò è una storia realmente affascinante, e nel raccontarvela vorremmo che trasparisse la stessa emozione che abbiamo apprezzato nelle parole di Lorenzo Zadra, il nostro narratore. Lorenzo Zadra è il titolare dell’azienda El Zeremia, erede di una famiglia a cui si deve la riscoperta del quarto vitigno autoctono del Trentino

Besler Biank di Pojer e Sandri, una verticale d’alta quota

di Riccardo Brandi
Bella degustazione di una delle icone vinose del magico duo trentino, un assemblaggio che nel tempo ha cavalcato le annate secondo la bontà delle produzioni, ma che prevalentemente ha visto ruotare riesling renano, kerner e Incrocio Manzoni in tagli variabili e con correzioni a volte di sauvignon blanc o pinot bianco, ma sempre a denominazione Vigneti delle Dolomiti Igt

diCibi

In Svizzera con i bambini (o senza)? All’assalto della fabbrica dei biscotti Kambly!

di Riccardo Farchioni
Se siete o pensate di andare in Svizzera, fatevi anche un giro per l’Emmental, nel cantone bernese. Colline distese, prati sconfinati (verde chiaro) che hanno spinto in alto quel che rimane dei boschi (verde scuro), con le classiche mucche al pascolo. Naturalmente per andare a caccia del suo celebre formaggio, l’Emmentaler. Ma, e qui arriva il consiglio, potreste andarci anche per visitare la fabbrica (e show-room) di un celebre marchio di biscotti, impresso da sempre nell’immaginario infantile e no: Kambly

diLuoghi

Locanda Margon a Trento: questioni di purezza

di Fernando Pardini
Torni via dalla Locanda Margon di Trento con un paio di certezze in più: prima di tutto, che una cucina che pone il territorio a fondamento della propria vena creativa può aspirare ad un bonus che altre cucine, parimenti ambiziose ma sostanzialmente apolidi, non potranno mai vantare, ossia l’unicità. Poi, che tenere a distanza di sicurezza le convenzioni, i cliché e le rimasticate consuetudini gastronomiche appartenenti al mondo dorato dei ristoranti “altolocati” si può!

L’isola di Corfù. Note di viaggio e approdi del buon mangiare nel cuore del Mediterraneo. Seconda parte

di Lorenzo Coli
Continua il nostro viaggio all’interno dell’isola alla scoperta dei più sfiziosi approdi culinari, alcuni dei quali ad alto tasso di coinvolgimento. Inutile ribadire che l’isola ci è rimasta nel cuore: per l’atmosfera, per la sincera accoglienza della sua gente, per gli orizzonti. Non resta che tornare.

Siti consigliati

Emergency: basta guerre, basta morti, basta vittime The Hunger Site laVINIum - rivista online di vino e cultura Tigulliovino: cultura del vino e servizi per le aziende

Archivio: annonove  Archivio: annootto  Archivio: AnnoSette  Archivio: AnnoSei  Archivio: AnnoCinque  Archivio: AnnoQuattro  Archivio: AnnoTre  Archivio: AnnoDue  Archivio: AnnoUno